Piante insolite, fiori rari, frutti, libri e molto altro: al via la 4 ^ edizione di Floracult

FloraCultAll’interno del Parco di Veio, in quella splendida campagna romana “paesaggio ideale” di pittori come Claude Lorrain e Nicholas Poussin, che nel 600 hanno influenzato profondamente il giardino pittoresco inglese, si trova la tenuta I Casali del Pino. Un’azienda agricola convertita al biologico che si estende su 174 ettari di campi e colline, su cui pascolano ovini da latte e altri animali allevati allo stato brado, a soli 8 km in linea d’aria dal Colosseo.

Qui, da venerdì 26 a domenica 28 aprile, si svolge FLORACULT, mostra mercato fiori alla sua 4^ edizione.

L’evento, organizzato da Ilaria Venturini Fendi, imprenditrice agricola e designer e dalla paesaggista Antonella Fornai, riunisce i migliori vivaisti e le ultime tendenze green, con oltre 100 espositori provenienti da tutta Italia.

Tema di quest’ edizione: il giardino come luogo di globalizzazione e integrazione. Le piante sono un esempio di realtà multietnica e di buona convivenza, quasi tutte le specie che si trovano nei nostri giardini provengono, infatti, da ogni parte del mondo e sono frutto della ricerca di viaggiatori e di “cacciatori di piante”.

L’Aloe, di provenienza sudafricana, sarà una delle protagoniste di Floracult. Utilizzata per le sue proprietà curative da più di 5000 anni, conta oltre 250 specie, di cui le più conosciute sono l’Aloe Barbadensis e l’Aloe Arborescens. Alcuni esperti insegneranno come coltivarla e realizzare un preparato a base di Aloe vera, ricco di proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie, rinfrescanti, idratanti, disintossicanti e cicatrizzanti, caratteristiche per le quali la pianta è utilizzata in erboristeria, cosmesi e fitoterapia.

In mostra e in vendita ci saranno oltre 70 varietà di garofani per aiuola, da taglio, penduli, tirolesi e alpini. Non mancheranno aromatiche insolite come le artemisie e poco comuni santoline oltre a prati fioriti calpestabili da sole e da ombra che non hanno bisogno d’irrigazione, per giardini ecosostenibili. E ancora conifere esotiche di diverse forme, grandezze e colori, perfettamente ambientate sul nostro territorio.

Palme tropicali come la palma triangolare del Madagascar, la palma Bottiglia o la palma Reale di Cuba ed una collezione di rampicanti tra cui glicini, passiflore, caprifogli, gelsomini dai fiori rosa, bianchi e gialli.

Sarà presentato per la prima volta su territorio nazionale il Cornus Kousa Teresa, un cespuglio ibrido da ombra totalmente italiano con foglie variegate bianche e verdi che diventano rosse in autunno.

E’ prevista anche una degustazione di frutti esotici dalla Sicilia: papaye, pere, meloni, maracuja, passiflora, canna da zucchero, pytaia e tomatillo, l’ingrediente utilizzato per la salsa messicana, una via di mezzo tra il pomodoro e il peperone dolce, di cui si potranno acquistare le piante.

Si parlerà molto dell’orto con lezioni sull’orto in terrazza, quello idroponico e a spirale, degli orti in affitto, e dell’orto sinergico, realizzato ai Casali del Pino.

La giornalista e blogger del verde Mimma Pallavicini presenterà il libro “ Il compostaggio in giardino. Produrre benefico humus e risolvere più di un problema” che insegna come trasformare i rifiuti in  humus e come  utilizzarlo. Gianumberto Accinelli, entomologo dell’Università di Bologna, parlerà del volume ” IL GIARDINO DELLA NATURA, biodiversità e utilità degli esseri più popolosi della terra“.

Il vivaio Barni presenterà invece il libro ” Sublime rosa “ dove ha racchiuso tutta l’esperienza della più grande famiglia di produttori di rose in Italia. Infine lo storico dell’arte Guido Giubbini proporrà il suo “Storie di giardini “, i due volumi che raccontano la storia del giardino nel mondo, dall’antichità fino ai nostri giorni. Da segnalare i pezzi unici provenienti dall’atelier-laboratorio milanese di Costanza Algranti. Quest’artista di origini livornesi ricicla legno, ferro, rame e costruisce tavoli, panche, divani, letti, cucine, oggetti e lampade. In programma anche conferenze e incontri con personaggi ed esperti del mondo del verde. Sarà inoltre possibile seguire i corsi di giardinaggio tenuti da Renato Pavia e organizzati con il contributo della Camera di Commercio di Roma.

Floracult, 4^ Edizione Mostra Mercato di Florovivaismo Amatoriale:

  • Da Venerdì 26 a Domenica 28 Aprile 2013, dalle 10:00 al 19:00
  • I Casali del Pino, Via Andreassi 30, Roma (La Storta)
  • Servizio gratuito navetta elettrica Atac dalla stazione Roma-La Storta
  • Costo del biglietto: intero € 8; gratuito bambini da 0 a 6 anni; ridotto € 5 da 6 a 12 anni; famiglie 2 adulti e 2 bambini fino a 12 anni € 23; Architetti paesaggisti e associazione di settore € 6; Per gli abbonati Metrebus muniti di abbonamento o BIT vidimato in giornata € 6; Biglietto per 2 giorni € 12, per 3 giorni € 18
  • Telefono: +39 06 30896488
  • Mobile: + 39 345 9356761
  • Sito: www.floracult.com

FloraCult al Parco di Veio

Distesa di fiori al FloraCult

FloraCult esterno

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.