Rifugio Carlo Porta, la poesia della montagna dei Milanesi

Guglie della GrignettaSi trova ai piedi della Grignetta, “la montagna dei Milanesi”, il Rifugio Carlo Porta. Posto a 1426 metri di altezza, alla base di Piani dei Resinelli, viene costruito nel 1911 per volontà di Alessandro Clerici e Carlo Porta, nipote del poeta, grazie alle donazioni di personaggi celebri, di banchieri e di facoltosi intellettuali della Milano del tempo.

La costruzione, realizzata in stile pre-liberty, ha l’eleganza di un albergo d’alta quota con il camino decorato in legno, la scala sontuosa, le maniglie d’ottone e i decori floreali. All’esterno “L’Alpino”, la statua in bronzo dello scultore Michele Vedani, domina il panorama.

Oggi il rifugio, che rivive grazie al Cai di Milano e a Claudio Trentani, offre l’accoglienza semplice della montagna lombarda. La sistemazione è spartana e la cucina genuina. Le camere sono da due, tre o sei letti con bagni in comune e i prodotti del posto sono di primissima qualità: formaggi della Valsassina, i vini della Valtellina e l’olio e il pesce di lago. I pizzoccheri, le tagliatelle di castagne o al Sassella, gli gnocchi, i canederli e i ravioli sono prodotti dalla famiglia Trentani, così come i dolci.

Dal rifugio parte una rete di sentieri per ogni tipo di difficoltà e lunghezza che vanno dalla passeggiata per famiglie al trekking di più giorni che, toccando vari rifugi, compie l’intero anello delle Grigne. In pochi minuti si attacca anche la “Direttissima” uno dei sentieri attrezzati tra i più belli delle Prealpi.

Le guglie della Grignetta poi, sono un vero “giardino d’arrampicata”, unico in tutta Europa.

Mentre per le escursioni degli ospiti meno esperti il rifugio mette a disposizione le Guide Alpine che propongono anche corsi di alpinismo e scalata.

Per chi a Pasqua volesse trascorrere qualche giorno al rifugio, Claudio Trentani propone anche un delizioso menù nostrano: formaggio caprino con erba cipollina, quiche primavera con asparagi, tagliatelle di castagne e ragù di agnello oltre a spezzatino di cervo con polenta, salumi, uova in salsa verde e un buon dolce. Da non perdere!

Rifugio Carlo Porta:

Come arrivare

da Milano:

Prendere la superstrada per Lecco in direzione Nord. Una volta raggiunta Lecco, e passato il primo tunnel, prendere l’uscita per la Valsassina e proseguire, attraverso un nuovo tunnel, sino a Ballabio (prima rotonda a sinistra). Seguire le indicazioni in salita per Pian dei Resinelli (14 tornanti) e, arrivati in alto, proseguire a piedi o avvicinarsi ulteriormente con l’automobile.

da Pian dei Resinelli:

Appena all’ingresso del piazzale salire a destra in corrispondenza del forno e prendere la strada che sale subito a sinistra, seguendo il cartello: senza mai lasciare la carrozzabile in venti-trenta minuti a piedi o in poco tempo in auto si raggiunge il piazzale in alto sino alla sbarra, e poi il rifugio.

Interno del rifugio Carlo Porta

Rifugio Carlo Porta

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.