Mostra De Nittis a Padova

De Nittis in mostra a PadovaLa più importante mostra mai realizzata su uno dei protagonisti della pittura dell’Ottocento europeo. Stiamo parlando della rassegna dedicata a Giuseppe De Nittis (1846-1884) in calendario a Padova, presso Palazzo Zabarella fino al 26 maggio. Il percorso espositivo delle opere di Giuseppe De Nittis si compone di 120 capolavori provenienti da prestigiosi musei e collezioni italiane e francesi. Dal Petit Palais di Parigi, al Musée Carnavalet di Parigi, dalla Pinacoteca De Nittis di Barletta, alla Pinacoteca Provinciale “C. Giaquinto” di Bari, dalla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti di Firenze, alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, al Museo di Capodimonte di Napoli, per citarne solo alcuni. E’ stato inoltre decisivo il contributo di prestigiose raccolte private, di storici collezionisti di De Nittis, da cui provengono i dipinti meno noti.

L’occasione è unica per ammirare alcuni lavori inediti, alcuni sconosciuti alla critica, altri assenti dall’Italia da molto tempo come quelli appartenenti al ciclo delle vedute londinesi. Su Londra e Parigi si concentra principalmente il genio artistico del pittore pugliese che ha saputo reggere il confronto con Manet, Degas e gli Impressionisti con i quali condivideva, anche se attraverso un linguaggio pittorico differente, l’aspirazione a rivoluzionare l’idea della pittura. De Nittis dipingeva con l’intenzione di scardinare la gerarchia dei generi per riscattare l’autonomia dell’arte: lo faceva affrontando gli stessi temi dei francesi, il paesaggio, il ritratto e la rappresentazione della vita moderna nelle due metropoli. L’essenza della sua arte stava nella capacità di raffigurare lo spirito del tempo nei luoghi privilegiati della mitologia del moderno. Le sue opere raccolgono sia la vita che scorreva frenetica lungo i boulevard o gioiosa nei parchi e nei santuari della mondanità come gli ippodromi o il celebre salotto della principessa Matilde, sia motivi della natura en plein air. Risale al suo periodo di formazione a Napoli la sua abilità a immedesimarsi nella natura, quella delle campagne pugliesi e delle pendici del Vesuvio, nella mutevole atmosfera di stagioni e ore del giorno.

La mostra di pittura è ordinata cronologicamente in sezioni. Anche dopo il trasferimento a Parigi, dove la sua casa divenne punto d’incontro per i più celebri intellettuali e artisti dell’epoca, De Nittis ritornò spesso a Napoli. Durante questi soggiorni realizzò le vedute del Vesuvio: tavolette e tele di piccole dimensioni, che compongono uno straordinario reportage pittorico, realizzato con un procedimento quasi fotografico, che non ha confronti nella pittura italiana dell’epoca.

La mostra è promossa dalla Fondazione Bano di Padova e dalla Fondazione Antonveneta.

Fondazione Bano – Palazzo Zabarella:

  • Via degli Zabarella 14, Padova
  • +39 049 8753100
  • [email protected]
  • www.zabarella.it
  • Aperto tutti i giorni tranne il lunedì
  • Orari 9.30-19.00 (la biglietteria chiude 45 minuti prima)
  • Aperto lunedì 1 e 29 aprile
  • Ingresso: Euro 12 / Euro 9-6 (ridotto)

De Nittis - Ritorno dalla gara

De Nittis - Signora di Napoli

De Nittis - Faccia

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.